Bloglillon

Bundling some things I posted elsewhere, exploring

Web 2.0 e video 2.0 (Mojiti) [2007]

3 Comments

Mi ero completamente dimenticata di questo primo tentativo di video tutorial che avevo caricato su blip.tv a febbraio 2007. Per lo stesso motivo per il quale è anche il mio ultimo tentativo: è brutto forte.

Lo stesso, quando l’ho ritrovato per caso questo pomeriggio, l’ho ricaricato su YouTube per poterlo sottotitolare, perché Mojiti era una stupenda applicazione di annotazione sociale di video.

Era stata molto eccitante l’esperienza del classico video  “Web 2.0… The Machine is Us/ing Us” di Michael Wesch che, su Mojiti,  veniva ricoperto da annotazioni, poi da 2, 3 10, tantissimi strati di annotazion. E tutte queste annotazioni si potevano anche disattivare se si voleva guardare il video, oppure scaricare come file .srt, cioè una trascrizione con l’indicazione precisa del momento in cui ciascuna era stata fatta. Perciò ne conservo un ricordo nitido – anche se avevo completamente dimenticato  questo  tentativo di video tutorial Web 2.0 e video 2.0 (Mojiti)

(Pagina per la sottotitolazione: http://www.amara.org/en/videos/KTdvIOl2QYho/info/web-20-e-video-20-mojiti/ )

Advertisements

Author: Claude Almansi

Freelance translator and subtitler, former teacher, human rights advocate - hence my interest in accessibility.

3 thoughts on “Web 2.0 e video 2.0 (Mojiti) [2007]

  1. beh dai, non è così terribile questo videotutorial. Nella media di quelli che si trovano in rete. Sono dell’idea (e la applico!) che bisogna vincere i pudori e continuare a pubblicare anche cose decisamente perfettibili. E pensa che io non ho neanche lontanamente un accento strepitoso come il tuo 😀
    Non c’è più Mojiti. Peccato. Doveva essere davvero carino (ho trovato anche dei brevissimi videotutorial di Robin Good, sempre di quegli anni lì)

  2. Forse hai ragione, Monica. . Ma nel mio caso non credo si tratti di pudore: tra i video che ho pubblicato ce ne sono di molto più brutti – http://www.youtube.com/watch?v=pW4RZwzJL4E ad esempio – ma almeno a farli mi sono divertita. Mentre cercar di parlare in un microfono mentre mi sforzo di fare cose sullo schermo mi mette l’angoscia: sono microfonofoba 😀

  3. Però l’accento è irresistibile!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s