Bloglillon

Bundling some things I posted elsewhere, exploring


1 Comment

Pinocchio nella rete – menù linearizzato delle pagine

Su questo post

Questo post nasce dalla discussione sul “recupero” del progetto Pinocchio nella rete di Riccardo Rivarola tra Gianni e me nei commenti #10 e successivi al post Prove di inserimento (embed) in blog WordPress.com – #ltis13 di Andreas Formiconi.

In particolare, nel commento #12, Gianni ha scritto:

(…) In SecondLifericostruiremo il progetto che è andato disperso in mille rivoli e che può essere conosciuto sul
sito [cioè pinocchionellarete.wordpress.com] (…)

Ora Riccardo aveva fatto un uso particolarmente ingegnoso di WordPress.com in questo sito: nel blog proprio (Home) c’è un solo post: Benvenuto !!! del 5 gennaio 2011. Tutto il resto l’aveva messo in pagine statiche. 775 pagine statiche in tutto, di cui diverse pagine  “figlie” e “nipotine”… Roba da premio Guiness, probabilmente 😀

Mica le ho contate una a una: non solo sono tante, ma la struttura “con figliazione” descritta sopra, con figlie e nipotine che appaiono solo quando ci passi su con il mouse (mouseover),  avrebbe reso l’operazione difficile. Quindi ho copiato nella sorgente di pinocchionellarete.wordpress.com la riga che corrispondeva al  menù, l’ho incollata in un file TextEdit e ho fatto “cerca </li> (il tag che chiude ogni voce del menù) e sostituisci con </li> ” per tutta la sorgente, il ché ovviamente non cambiava niente concretamente, ma mi ha dato l’indicazione “776 cambiamenti” – meno uno per la voce Home che è il blog monopost, quindi 775 pagine statiche.

E a questo punto, ho pensato che se copiavo quel pezzo di sorgente in un post, dove non avrebbe agito la funzione che causa il “mouseover” in un blog, avrei ottenuto una lista lineare con rientri per le subordinazioni, ma con tutte le voci visibili. E in effetti è così.

Ho deciso di pubblicare questo menù linearizzato perché sotto questa forma, sarebbe più facile organizzare l’archiviazione  – ad es. con webcitation.org – di tutte la pagine e tenerne traccia. Non su questo blog, che non è adatto per la collaborazione, ma ad esempio su un wiki o su una pagina Google Docs, dove si potrebbe riportare con un copia incolla.

Continue reading